We fetch to your attention a new website where you can buy kamagra jelly australia at a low price with fast delivery to Australia.

Layout

Proprietà Funzionali
Gli effetti studiati sui prodotti della Linea Unikum comprendono:
- protezione antiossidante- effetto sulla funzionalità del sistema cardiovascolare- regolazione della pressione sanguigna- regolazione del colesterolo- effetti sul sistema immunitario- aumento della performance fisica determinato dall'aumento del flusso sanguigno,anche attraverso un'in-fluenza sulla gittata cardiaca nonchè attraverso la normalizzazione del sistema nervoso ed ormonale nell'alte-razione dovuta allo stress conseguente all'attività fisica ed al conseguente carico su organi e tessuti.
Gli studi condotti hanno dimostrato l'alta funzionalità dei PRODOTTI DELLA LINEA UNIKUM nel controllare i li-velli di colesterolo,nel contrastare il deposito di grassi nelle arterie,favorendo altresì il metabolismo a livelloepatico degli stessi,riducendo il livello di zuccheri e carboidrati circolanti per la veicolazione specifica ai mu-scoli,migliorando la digestione e l'assimilazione dei nutrienti,favorendo la formazione di massa magra,la forzae la resistenza.
E' inoltre di massima importanza la regolazione ormonale.
AMMINOACIDI
FENILALANINA - Un certo numero di neurotrasmettitori derivano dalla fenilalanina. Essa viene convertita di-
rettamente in tirosina e successivamente in dopamina, norepinefrina ed epinefrina. È stato dimostrato che la
fenilalanina agisce anche sul controllo dell'appetito. Recenti studi hanno provato che il suo utilizzo ha un note-
vole potenziale di efficacia nella terapia del dolore. È stato, infatti, rilevato che la fenilalanina nelle sue forme
destrogire e levogire combinate (Dlpa) inibisce l'attività degli enzimi responsabili della scomposizione delle en-
dorfine, consentendo quindi alle loro proprietà analgesiche di agire per un periodo di tempo più lungo. Ciò si-
gnifica che la Dlpa non funge da analgesico, ma favorisce l'attività dei meccanismi endogeni di controllo del
dolore.
TRIPTOFANO - È un amminoacido essenziale. Aiuta a stabilizzare l'umore ed è usato dal cervello per pro-
durre serotonina, un importante neurotrasmettitore del sistema nervoso centrale che porta gli impulsi da una
cellula all'altra. È necessario per la produzione di niacina (vitamina B3), la cui azione sul triptofano stesso
causa la produzione dell'enzima nicotinnammide adenin dinucleotide (Nad), responsabile di molte funzioni vi-
tali del cervello. Da uno studio condotto recentemente in Finlandia, presso la facoltà di Neurologia dell'Univer-
sità di Tampere, risulta che il triptofano ha una rilevante azione analgesica.
METIONINA - La metionina è un amminoacido essenziale che contiene zolfo. Fondamentale per la formazione
di acido nucleico (ovvero Rna/Dna), essa serve anche a produrre altri due amminoacidi: cisteina e cistina.
Questi tre amminoacidi sono potenti agenti disintossicanti. La metionina, inoltre, risulta importante nel manteni-
mento del pool di glutatione perossidasi, potente enzima antiossidante. La carenza di metionina può portare
ad accumulo di grassi nel fegato. In assenza di un livello adeguato di metionina, non può avvenire la sintesi
delle proteine del sangue albumina e globulina, collegate agli anticorpi.
ARGININA - È importante per la produzione di molti tessuti, quali collagene ed elastina, nonchè di sostanze
quali insulina ed emoglobina. L'80% del liquido seminale contiene arginina. È una sostanza glicogenica (ossia
può essere trasformata in zucchero) e partecipa a quella che probabilmente è la fase più importante del ciclo
dell'urea, ossia il processo di trasformazione dell'ammoniaca in ornitina e urea, che serve a eliminare dall'orga-
nismo questo pericoloso prodotto di demolizione del metabolismo delle proteine. L'arginina favorisce la cre-
scita e l'attività della ghiandola del timo, il cui ruolo è fondamentale nel sistema immunitario, e, soprattutto,
l'attività della ghiandola pituitaria, aumentando la secrezione dell'ormone della crescita da parte di questa
ghiandola. Inoltre, essa serve a ridurre il livello di colesterolo nel sangue e come coadiuvante nel trattamento
dell'arteriosclerosi (indurimento delle vene). Basandosi sulla nota capacità che questo amminoacido ha di fa-
vorire la produzione dell'ormone della crescita, si consiglia di ricorrere all'arginina per promuovere una mag-
giore efficacia delle funzioni immunitarie. Peraltro, la secrezione di una quantità extra di ormoni della crescita
può favorire il metabolismo dei grassi e la formazione e tonificazione di tessuti muscolari. L’arginina può es-
sere legata (chelata) utilmente con minerali come il manganese per renderli più facilmente assimilabili dall'or-
ganismo.
ORNITINA - Non è un amminoacido essenziale, ma è comunque un elemento fondamentale nel ciclo dell'urea
ed è il precursore di altri amminoacidi, quali l'acido glutammico. Il valore della sua funzione terapeutica risiede
appunto nella partecipazione al ciclo dell'urea e nella sua capacità di migliorare la funzionalità epatica. L'orni-
tina è prodotta dall'alterazione dell'arginina mediante l'enzima arginase. L'ormone della crescita viene liberato
in risposta alla somministrazione di 1-2 grammi di ornitina, assunta a stomaco vuoto prima di coricarsi. In que-
sto modo si stimola il sistema immunitario, migliorandone di conseguenza la risposta.
GLUTATIONE - Il glutatione è un tripeptide (costituito da tre amminoacidi) formato da cisteina, acido glutam-
mico e glicina. Questo composto biologicamente attivo è prezioso per la prevenzione e la cura di numerose
malattie degenerative. È, infatti, ampiamente dimostrata la notevole efficacia del suo ruolo di inibitore del-
l'azione dei radicali liberi, che figurano tra i principali responsabili riconosciuti del graduale processo di invec-
chiamento a causa del quale i tessuti diventano coriacei, contratti e rigidi. Il glutatione svolge anche un'azione
efficace nella detossificazione dei metalli pesanti e quale agente disintossicante del fegato. Infatti, consente a
quest'organo di rimuovere i composti indesiderati attraverso la bile, mediante l'azione dglutatione-S-transferasi
ACIDO GLUTAMMICO - Questo amminoacido può essere prodotto da un certo numero di amminoacidi, tra cui
ornitina e arginina. Combinandosi con l'ammoniaca, l'acido glutammico si trasforma in glutammina. Inoltre, è
un importante neurotrasmettitore, precursore dell'acido ammino-gammabutirrico, un trasmettitore inibitore, e
del glutatione. Il fatto essenziale e suggestivo da tenere presente è che l'acido glutammico riesce a essere un
portentoso carburante cerebrale. Il suo derivato L-Glutammina incrementa la produzione di energia nei mito-
condri (la centrale di energia di ogni cellula). È anche un elemento chiave del composto del cromo noto come
"fattore di tolleranza al glucosio".
CISTEINA - La cisteina è un amminoacido ad alto contenuto di zolfo. È convertibile in cistina e viceversa. È un
componente fondamentale del "fattore di tolleranza al glucosio" (insieme a glicina, acido glutammico, niacina e
cromo). La cisteina è uno dei principali elementi contenuti nell'enzima glutatione perossidasi; è stato dimo-
strato che la cistina (conversione della cisteina) agisce come disintossicante, proteggendo l'organismo nei
confronti dei danni prodotti dai radicali liberi. Si rivela importante nella prevenzione dei danni al fegato e al cer-
vello. È essenziale per un corretto utilizzo della vitamina B6.
GLICINA - È presente nei composti disintossicanti per il fegato, quali il glutatione, di cui rappresenta un com-
ponente essenziale. La glicina è indispensabile per la biosintesi di acidi nucleici e biliari. Si ritiene che la sua
somministrazione, associata ad arginina, favorisca la sintesi e il ricambio della creatina (un importante compo-
sto che serve per la contrazione dei muscoli). La glicina è uno dei maggiori neurotrasmettitori, i messaggeri
chimici del cervello. Rilevante la sua efficacia nella funzione di tamponare l'acidità gastrica.
ARGININA PIROGLUTAMMATO - ORNITINA ALFA-CHETOGLUTARATO - ACIDO GLUTAMMICO - La si-
nergia di questi tre amminoacidi è deputata a funzioni tra le più importanti nella vita dell'uomo e in particolare
dell'atleta: produzione dell'ormone della crescita, ciclo dell’urea, produzione di Atp (adenosin trifosfato, energia
vitale di ogni cellula). L'alfa-chetoglutarato è il principale recettore degli amminoacidi. La sua formazione è do-
vuta al lavoro degli enzimi transaminasi (Got e Gpt) che trasferiscono un alfa amminogruppo all'alfa chetoglu-
tarato, il quale provvede poi, in sinergia con piridossal fosfato (B6), alla scissione dell'NH2 dalle proteine
alimentari. Il processo metabolico stimolato dalla conversione di arginina in ornitina e dalla derivante forma-
zione di alfa-chetoglutarato, si completa nella produzione dell'acido glutammico. Se questa serie di conversioni
metaboliche subisce interferenze, si verifica l'amminoaciduria, con conseguente degrado dell'attività di sintesi
proteica (fondamentale nei fattori di crescita). In pratica, in questo caso, il ruolo degli amminoacidi viene con-
trastato -con grave squilibrio nel processo metabolico- dalla formazione eccessiva di ammoniaca. Le cause
possono essere diverse: carenza di vitamina B6, di zinco, di manganese; impossibilità di trasformare la vita-
mina B6 in piridossal fosfato; quantità insufficiente di acido alfa-chetoglutarico. Un controllato apporto degli
amminoacidi arginina e ornitina, già convertiti in forma di piroglutammato e alfa-chetoglutarato, favorisce in
modo incisivo e determinante l'eliminazione, attraverso il ciclo dell'urea, dell'ammoniaca in eccesso, condu-
cendo a una normalizzazione nell'eliminazione delle scorie azotate. E ciò riporta, in maniera del tutto naturale,
l'equilibrio nei processi metabolici finalizzati alla sintesi proteica. Infatti, l'ammoniaca, normalizzata nei suoi va-
lori di presenza, combinandosi con l'acido glutammico, produce la sinergia metabolica fondamentale per la
produzione di energia (Atp).
TAURINA - Nell'organismo la sintesi della taurina avviene grazie agli amminoacidi metionina e cisteina, in
primo luogo nel fegato in presenza di vitamina B6. Essa è efficace nel normalizzare l'equilibrio di altri ammi-
noacidi e l'interesse degli studiosi si è concentrato sul suo ruolo come neurotrasmettitore La taurina, inoltre,
agisce sul controllo delle perdite di potassio nel muscolo cardiaco. Si ritiene, infatti, che questa sostanza regoli
il controllo osmotico del calcio e del potassio nel muscolo cardiaco, garantendo un'efficace protezione dalla
perdita di questi importantissimi minerali e aumentando l'efficacia della contrazione cardiaca.
TIROSINA - È un precursore delle catecolamine dopamina, adrenalina e noradrenalina, neurotrasmettitori che
regolano l'umore e la prontezza mentale. È inoltre indispensabile per la produzione degli ormoni tiroidei.
CARNITINA - Quando il cuore perde il ritmo, la Carnitina aiuta la conversione degli acidi grassi in energia uti-
lizzabile per la contrazione muscolare. All'interno dell'organismo, essa è sintetizzata nel fegato; nella dieta è
assunta con il consumo di carne. Si produce mediante la conversione di lisina e metionina, in presenza indi-
spensabile di vitamina C. È stata riscontrata in quantità elevate negli epididimi dei testicoli. La carnitina prov-
vede al trasferimento degli acidi grassi, attraverso le membrane dei mitocondri (sedi di produzione energetica
in tutte le cellule dell'organismo), dove essi sono utilizzati come fonte di energia. La carnitina svolge azione
protettiva nei confronti del miocardio. È fondamentale per i processi di produzione di energia (Atp)
TRIBULUS - In Cina il Tribulus è stato un componente importante delle terapie per curare una varietà di pato-
logie che affliggevano fegato, reni e vie urinarie. Le componenti del Tribulus sono saponine e steroli di tipo fu-
rastanolo, che riescono ad aumentare il livello di testosterone del 33%. Il Tribulus, come tonico generale, aiuta
a ridurre il colesterolo, a normalizzare i livelli della pressione sanguigna e in senso lato a ridurre lo stress. Au-
menta la capacità di contrazione del muscolo cardiaco e riduce la ritenzione idrica.
DIOSCOREA - La Dioscorea contiene fino a 13% in diosgenina, che fornisce gli steroidi per lo sviluppo ormo-
nale. La sua efficacia è importante nello sviluppo della massa muscolare e nell'adattamento alla resistenza. Ha
una notevole azione antispasmodica. La Dioscorea, con l'elevata presenza di glicosidi steroidali (diosgenin),
agisce come precursore della saponina nella sintesi del progesterone. Nell'industria farmaceutica lo stesso
diosgenin fornisce circa il 50% della materia prima per la sintesi steroide. La ricerca ha dimostrato l'importante
azione antinfiammatoria della Dioscorea. Inoltre, essa induce una diminuzione della pressione sanguigna e un
aumento del flusso coronarico. Il buon effetto terapeutico delle saponine della dioscorea sui pazienti con atero-
scelosi è stato confermato nella pratica clinica.
SUMA - Negli Stati Uniti a tutt'oggi il Suma è considerato allo stesso tempo un eccellente tonico, un ottimo
adattogeno e un possibile regolatore glicemico. In Giappone, dove sono stati condotti gran parte degli studi cli-
nici, è stato scoperto che la radice di questa pianta è in grado di inibire in cultura alcuni tipi di cancro. I princi-
pali componenti del Suma sono: saponine (un tipo recente di saponina, chiamato nortriterpenoide, in cui
l'acido pfaffico è stato identificato), germanio (che la pianta contiene in elevata percentuale), acido malico, sito-
sterolo, stigma sterolo, allantoina, tannini. Il Suma, in generale, aumenta il profilo energetico, normalizzando i
principi biodinamici dell'organismo. Grazie a ciò il Suma è in grado di favorire l'adattabilità dell'organismo a sti-
moli esterni e interni, configurandosi dunque come importante adattogeno. Come equilibratore ormonale si è
dimostrata la sua notevole efficacia nella regolazione del sistema endocrino. In particolare: il germanio attribui-
sce alla pianta la capacità di rinforzare il sistema immunitario e svolgere azione antiossidante; l'acido malico è
in grado di esercitare un'azione eccitante sulla respirazione cellulare e assolutamente efficace risulta il suo ap-
porto nell'ossigenazione muscolare, processo basilare per un atleta; la scoperta dell'acido pfaffico ha attribuito
al Suma la capacità di inibire i melanomi in cultura, riportando esiti positivi su numerose varietà di cancro, non-
chè sul diabete.
FIENO GRECO - Anabolizzante naturale, importante nella formazione della massa muscolare, viene utilizzato
nelle cure dell'anemia. È ricco in lisina e triptofano, che favoriscono la sintesi proteica. Inoltre, nei semi è con-
tenuta la diosgenina, saponina steroidea (presente anche nella Dioscorea), che è utilizzata come precursore
per la produzione emisintetica degli ormoni steroidei. Per il contenuto di inositolo, è in grado di demolire i de-
positi di grasso a livello epatico e trasformarli in fosfolipidi, composti di acido linoleico e oleico di cui il Fieno
greco è assai ricco: la presenza di fosfolipidi da acidi grassi polinsaturi protegge l'integrità e l'elasticità delle
membrane cellulari. Il fieno greco incrementa anche la produzione di insulina da parte del pancreas, attraverso
l'alcaloide trigonellina, e agisce così come ipoglicemizzante.
COLEUS - Le proprietà attribuibili all'estratto derivato dalla radice di Coleus forskohlii sono per la maggior
parte ascrivibili alla presenza della molecola del forskolin che, interagendo con i recettori beta adrenergici, de-
termina il rilascio della noradrenalina dalle terminazioni simpatiche. Lo spettro d'azione della sostanza è assai
vasto, traducibile in: - Effetto inotropo positivo - Riduzione dell'infiammazione - Riduzione della pressione san-
guigna - Broncodilatazione - Antiagglomerazione piastrinica - Azione antiglaucoma. Parallelamente, questa di-
namica d'azione comprende anche altri effetti sotto il profilo terapeutico, vale a dire: - Aumento della massa
magra - Incremento della termogenesi - Incremento della lipolisi - Incremento della secrezione di insulina - In-
cremento del ritmo metabolico (ormoni tiroidei) - Miglioramento del tono dell'umore - Stimolazione della secre-
zione di enzimi digestivi e modulazione di quella degli acidi biliari - Azione antiossidante. L'insieme di queste
azioni conduce principalmente al globale incremento della massa magra, la cui formazione è favorita dal mi-
glioramento nell’assorbimento dei nutrienti, dal relativo aumento della termogenesi e conseguente incremento
della disponibilità di energia, dalla liberazione di insulina e dalla sintesi degli ormoni anabolici.
DESMODIUM - Il Desmodium adscendes (Amor Seco) è ricco di sostanze attive quali flavonoidi, betafenileti-
lammine, saponine. È noto il suo impiego nel trattamento dell'asma; produce un importante effetto antispasmo-
dico, antistaminico ed antiallergico. Ha effetto quindi nelle convulsioni nervose ed è rilassante della
muscolatura contratta dallo stress atletico, ove produce un effetto antinfiammatorio importante. È un ottimo
broncodilatatore.
ADHATODA - L'Adhatoda vasica contiene alcaloidi che mostrano un’importante azione broncodilatatrice (si-
mile alla teofillina), mucolitica e immunostimolante. Ha azione vasodilatatrice periferica e antispastica. Ha ef-
fetto stimolante sul miocardio.
GARCINIA - La Garcinia Cambogia ha tra i suoi componenti idrossicitrato, calcio, carboidrati e pectine in
tracce. L'idrossicitrato, contenuto nella buccia del frutto, agisce sul fegato e in altri distretti (tessuto adiposo, in-
testino tenue eccetera), riducendo la produzione di colesterolo e trigliceridi (fino al 27%) a partire dagli zuc-
cheri. Questo comporta una riduzione dell'accumulo di grassi, mentre l'organismo trova disponibile una grossa
quantità di energia derivante dalla demolizione completa degli zuccheri attraverso il ciclo dell'acido citrico (ciclo
di Krebs). L'idrossicitrato, infatti, limitando fortemente l'attività dell'enzima citratolipasi, blocca drasticamente il
processo di immagazzinamento sotto forma di grasso favorendo invece la demolizione completa degli alimenti
con produzione di energia.
SCHISANDRA - Importanti sono le sue proprietà toniche generali e specifiche sulle funzioni sessuali. È stimo-
lante del sistema nervoso centrale, svolge attività antitossica e protettiva per il fegato. Recenti studi configu-
rano importanti funzioni nell'incremento della capacità adattogena nello stress da sforzo e nell'endurance.
GINKGO BILOBA - Svolge un'azione importante nell'aumento della vasodilatazione e del flusso del sangue
periferico nei capillari. Aiuta il mantenimento dell'integrità e della permeabilità delle pareti cellulari. È impor-
tante la sua azione antiaggregante piastrinica e immunostimolante.
GUARANÀ- La caffeina contenuta allo stato naturale nel guaranà si trova condensata con glucosidi, tannini e
resine che ne graduano l'assorbimento nell'apparato digerente. Per questa ragione, a differenza del tè e del
caffè, non provoca insonnia o irrequietezza. Stimola le funzioni cerebrali e l'attività intellettuale. Stimola la pro-
duzione di adrenalina che, tra le tante funzioni, ha anche la proprietà di far uscire i grassi dagli adipociti, bru-
ciandoli. Il suo effetto energetico è largamente impiegato nei preparati per lo sport, dato che l'unione tra la
componente tanninica e l'alcaloide contenuto nella caffeina rende l'azione meno intensa e più modulata, senza
creare gli scompensi dovuti a nervosismo e tachicardia.
TARASSACO - Svolge importante azione diuretica, depurativa, ipoglicemizzante, epatoprotettiva, tonica, las-
sativa e antinfiammatoria.
ASTRAGALO - Tonico e diuretico, l'Astragalo è conosciuto sopratutto per il suo potente effetto immunostimo-
lante. Studi clinici hanno evidenziato l'utilità di questo estratto nella sindrome da affaticamento cronico. È utiliz-
zata anche per la prevenzione del raffreddore, nonché nelle infezioni del tratto respiratorio. Mostra spiccata
azione tonico-energetica, rigenerante dei tessuti e promuovente la crescita muscolare. Ha un'importante ed ef-
ficace azione epatoprotettiva; è precursore dell’interferone.
CARDO MARIANO - Estratto vegetale contenente silimarina e flavonoidi. Ha una spiccata attività epatoprotet-
tiva nei confronti di numerosi agenti tossici, perchè neutralizza i radicali liberi. Possiede, inoltre, attività antin-
fiammatorie per la cute e svolge una notevole azione diuretica.
CITRUS AURANTIUM (sinefrina) - I suoi maggiori componenti nutrizionali sono i flavonoidi, la vitamina C e un
alcaloide naturale chiamato sinefrina. Questo alcaloide è stato usato con successo per aiutare il controllo del-
l'appetito durante programmi dietetici per la perdita di peso. La sinefrina aiuta anche a incrementare la termo-
genesi cellulare e la frazione metabolica, così da ottenere, da una parte, la perdita di grasso e, dall'altra,
l'aumento di energia. Il Citrus Aurantium stimola la sintesi delle proteine, quindi si contrappone alla perdita di
massa magra. Recentemente è stato usato dagli atleti per aumentare le performance e incrementare la mu-
scolatura.
BETULLA BIANCA - L'estratto di questa pianta ha proprietà ipocolesterolemizzante, diuretica, eliminatrice
dell'acido urico. Possiede, inoltre, un’attività tonico-stimolante e di drenaggio dell'organismo.
ACETO DI MELA - L'aceto di mela è un diuretico naturale, ma è anche un apportatore di potassio, accelera il
metabolismo, aiuta la digestione, ha azione antibatterica e regola l'intestino.
KOLA NOCI - I suoi semi contengono il 2% di caffeina e quantità minori di teobromina, tannino, amido. Per
questo svolgono una funzione moderatamente eccitante e sono impiegati come tonici in preparati ove contri-
buiscono a stimolare la funzionalità nervosa e cerebrale.
GINSENG (Panax Ginseng) - L'azione di questo estratto si esplica primariamente sulle ghiandole surrenali, la
tiroide e l'ipofisi. Con queste modalità viene rilanciato il sistema di risposta allo stress; si notano presto i suoi
effetti con aumentata concentrazione, resistenza al lavoro prolungato, miglioramento dell'umore, diminuzione
delle crisi ipoglicemiche. Incrementa lo sviluppo della massa muscolare e, sopratutto, riduce il debito d'ossi-
geno nello sforzo atletico. Naturalmente, è particolarmente efficace nel ridurre i sintomi da stress.
GYNOSTEMMA (Gynostemma pentaphillium) - Contiene nei suoi componenti saponine note come gipenosidi,
all'analisi rivelatesi in numero quattro volte superiore a quante contenute nel Panax Ginseng. Gli studi hanno
dimostrato l'effetto di regolatore che la pianta produce su diverse funzioni metaboliche dell'organismo, an-
dando quindi a configurarsi come un potente adattogeno in grado di aiutare l'organismo ad "adattarsi" a situa-
zioni di stress, come per esempio quelle legate allo sforzo atletico. Specificamente, le proprietà funzionali del
gynostemma esercitano un effetto regolatore su diversi cammini metabolici del nostro organismo, quali: - Re-
golazione del sistema immunitario - Promozione del metabolismo lipidico - Regolazione della pressione e dei
livelli di colesterolo - Stimolazione della contrattilità cardiaca - Ossigenazione muscolare - Potenziamento delle
proprietà antibatteriche ed antinfiammatorie - Miglioramento nella prontezza dei riflessi, una diminuzione del-
l’ansia e un miglioramento delle qualità del sonno e del riposo.
TIMO - Estratto con particolari proprietà espettoranti, è impiegato, in associazione ad altri broncodilatatori,
nelle terapie di patologie delle vie aeree e per migliorare la meccanica respiratoria durante lo sforzo atletico.
Ha spiccata aromaticità.
GRINDELIA - Altra pianta con proprietà espettoranti e di broncodilatazione, viene spesso impiegata in sinergia
con altri estratti analoghi per potenziarne l'effetto.
ACIDOPHILUS (Lactobacillus acidophilus) - I lactobacilli sono considerati la famiglia più importante di batteri
amici residenti nel piccolo intestino. I batteri Lactobacilli acidophilus hanno un effetto antibatterico e sono in
grado di sviluppare un processo di detossificazione, mirando al riequilibrio della flora batterica intestinale indi-
spensabile per la salute umana. Costituiscono quindi un importante rimedio a patologie quali meteorismo, co-
stipazione intestinale, malassorbimento di nutrienti e alla proliferazione della Candida. Un sistema immunitario
efficiente dipende innanzitutto dall'equilibrio esistente tra batteri "amici" e batteri "patogeni", in quanto il suo
corretto funzionamento ci difende dalle malattie a carattere microbico.
COENZIMA Q 10 -Il coenzima Q10 è un composto organico liposolubile, vitaminosimile, che può essere para-
gonato alla vitamina E ma con proprietà antiossidanti maggiori. Gioca un ruolo importante nel miglioramento
del sistema immunitario e nel rallentamento dei processi di invecchiamento. ADENOSINA - Ribonucleoside for-
mato dallo zucchero Ribosio e dall'amminoacido adenina, base azotata presente negli acidi nucleici
(Dna/Rna), precursore della sintesi dell'Atp (adenosin-trifosfato), coenzima fondamentale nei fenomeni di tra-
sporto di energia nel processo metabolico. È la fonte universale di energia libera nei sistemi biologici.
OCTACOSANOLO - Questo prezioso principio nutritivo è contenuto in minima parte in diversi vegetali. Puro
viene prodotto in laboratorio attraverso l'estrazione dall'olio di germe di grano, dove è presente in ragione di
100 parti per milione. Il professor Thomas Cureton, direttore dell'Istituto di Phisical Fitness presso la Illinois
University, dimostrò conclusivamente che l'aumento dell’efficienza fisica negli atleti monitorati era dovuto alla
presenza nella dieta di octacosanolo. Il suo utilizzo induce una notevole riduzione del fabbisogno di ossigeno
da parte dei tessuti corporei nonché l'ottimizzazione dell'ossidazione cellulare, grazie alla cessione di ioni idro-
geno nella catena respiratoria.
CREATINA - La creatina permette di ottenere un miglioramento della capacità aerobica e della prestazione
muscolare, in quanto essa ha il ruolo, all'interno della cellula, di trasportatore di energia dai siti di produzione (i
mitocondri) ad altri punti dove viene utilizzata. Per fare ciò, la creatina entra nei mitocondri ed esce legata al
fosforo, caricata di energia (fosfocreatina). Per ricaricare l'Atp, la fosfocreatina si "spezza" nuovamente nelle
sue due parti (fosforo e creatina), con progressiva dimunuzione delle scorte. In genere, la quantità di creatina
assunta con la normale alimentazione (si trova nella carne, circa 1 grammo x 250 grammi), non risulta suffi-
ciente a compensare le perdite, in seguito alle maggiori richieste dovute all'attività sportiva. La quantità il cui
consumo è consigliato all'atleta è di 3 grammi pro die, come permesso dal ministero della Salute.
ELEUTEROCOCCO - L'Eleuterococco è una sostanza a uso profilattico che, in maniera aspecifica, aumenta
la capacità di difesa dell'organismo nei confronti dei diversi agenti e stimoli ambientali e/o riduce la predisposi-
zione alle malattie. L’azione immunostimolante è stata ampiamente dimostrata: diversi gruppi di ricercatori
hanno descritto esaurientemente l'aumento della biosintesi dell'Rna e delle proteine, osservato dopo sommini-
strazione dell'estratto di Eleuterococco. Da sottolineare sono anche i suoi effetti sul metabolismo dei carboi-
drati e dei lipidi. Agendo sulla ghiandola pituitaria, stimola le ghiandole surrenali, aumentando la
concentrazione, la prontezza nei riflessi e nell'attività mentale, l'attività sessuale e in genere la potenza fisica.
È fattore riducente nei rischi di attacchi cardiaci.
SPIRULINA - La spirulina è un'alga diffusa principalmente nelle acque dolci alcaline a temperatura mite. È
stata definita, più o meno propriamente, "il nutrimento del futuro", grazie al suo ricco contenuto proteico (le
proteine sono presenti nella sostanza con un contenuto oscillante tra il 65 e il 71%), alla elevata concentra-
zione di nutrienti biologicamente attivi e alla sua digeribilità. Sono presenti nella sostanza quantitativi di poli-
saccaridi, fornitori di glucosio importante nutriente per la trasformazione in Atp durante le competizioni di
endurance. Inoltre un quantitativo importante nel contributo degli amminoacidi fenilalanina e tirosina apporta
notevole influenza ai meccanismi di controllo del senso di sazietà e dell'umore, "scaricando" nel contempo il
fegato da sovrasforzi, data l'elevato apporto di nutrienti concentrati in dosi ponderalmente minime.
BETAINA (trimetil-glicina) - La Betaina, presente nelle barbabietole da zucchero, deriva dall’amminoacido gli-
cina ed agisce nella sintesi della Lecitina durante il processo di formazione delle lipoproteine che mobilizzano i
lipidi accumulatisi nel fegato;aumenta la secrezione dei succhi gastrici con azione simile a quella dell’Acido
cloridrico,accellerando cosi’ la digestione delle proteine.Partecipa alla sintesi del Acetil Colina (derivata dalla
scissione della Lecitina) ,indispensabile per la trasmissione degli impulsi nervosi .Infatti interviene nella trans-
metilazione, cioè nel processo per mezzo del quale i gruppi metilici CH3 sono trasferiti da una molecola a
un’altra: un processo biochimico indispensabile per il metabolismo cellulare, in cui la Betaina svolge un'azione
di attivazione e mantenimento nella produzione d'energia. La Betaina è un nutriente che incrementa le presta-
zioni degli atleti attraverso un elevato trasporto e utilizzo di ossigeno;rallenta la formazione di acido lattico,fa-
vorendo l’eliminazione del grasso e del colesterolo. La Betaina è una sostanza preposta ad aumentare il
metabolismo,influenzando positivamente l’attività aerobica ed anaerobica. Fondamentalmente la Betaina è un
agente metilante e svolge un ruolo importante sopratutto nel processo di detossificazione dell'Omocisteina
(potente ossidante e generatore di radicali liberi) in Metionina. L'organismo metabolizza, infatti, solo piccole
quantità d'Omocisteina ed è noto che in grandi quantità essa è tossica: l'utilizzo della Betaina risulta quindi im-
portante sia come antiossidante, sia come epatoprotettore, sia per il migliore utilizzo di forza resistente, come
quella necessaria nell'endurance atletico.
RIBOSIO - È un componente essenziale per la produzione di energia. Si ottiene dalla fermentazione diretta del
glucosio; è il precursore dell’ Atp, principale fonte energetica del muscolo cardiaco e scheletrico; inoltre, entra
nella composizione della struttura degli acidi nucleici Rna e Dna. - Incrementa le riserve energetiche - Contri-
buisce ad aumentare la forza muscolare - Riduce i tempi di recupero dopo uno sforzo atletico - Ripristina le ri-
serve di Atp. Gli atleti che si sottopongono regolarmente a periodi di intensa attività fisica sperimentano
personalmente la difficoltà di mantenere alti i livelli delle proprie prestazioni. In questi casi, infatti, nel muscolo
scheletrico si verifica un fenomeno noto come anossia (carenza di ossigeno) causata dal fatto che le fibre mu-
scolari consumano più ossigeno di quanto il flusso sanguigno riesca a fornirgliene tramite la circolazione. Il Ri-
bosio supporta il lavoro del muscolo scheletrico nel ripristinare le riserve di Atp, quando l'intensità dello sforzo
arriva a livelli molto elevati. Tutto ciò si traduce in una maggiore disponibilità di Atp o adenosin trifosfato. Tale
nucleotide (l’adenosin trifosfato) apporta la maggior parte dell'energia cellulare e del carburante necessario
alle diverse attività del corpo, tra le quali ricordiamo, per esempio, la contrazione muscolare. Gli effetti del Ri-
bosio risultano particolarmente efficaci anche sul muscolo cardiaco, come dimostrato da numerosi studi clinici
e di laboratorio. Tali sperimentazioni hanno documentato parecchi effetti positivi quali, per esempio, un miglio-
ramento della funzione ventricolare e della soglia di tolleranza dell'attività fisica. È noto, infatti, come il miocar-
dio tenda a impoverirsi di ossigeno qualora si verifichi una diminuzione del flusso sanguigno. Conseguenza
dell'ischemia che si viene a verificare in tali condizioni consiste in una notevole diminuzione di energia a livello
tissutale, evidenziata dalla presenza di minori livelli di Atp. L'assunzione di Ribosio permette al tessuto del mio-
cardio di arricchirsi di ossigeno e tale incremento risulta nell'accelerazione della biosintesi dei nucleotidi adeni-
nici e in un globale miglioramento della funzionalità cardiaca. INOSINA - Questo principio attivo è efficace nel
ritardare i sintomi dell'ipossia (carenza di ossigeno nei meccanismi di produzione di energia, determinata dal-
l'invasione dell'acido lattico negli alveoli bronco polmonari). L'inosina (ricavata dalla barbabietola, come la be-
taina), infatti, è un nucleoside che penetra attraverso la membrana dei globuli rossi e, una volta all'interno, si
converte in difosfoglicerato, uno zucchero indispensabile al rilascio di ossigeno ai tessuti,incoraggiando il pro-
cesso metabolico anche quando i livelli di ossigeno e ATP sono bassi. L’Inosina aiuta il metabolismo dell’ener-
gia e la sintesi delle proteine;negli atleti stimola l’effeto anabolizzante,aumentando i livelli di resistenza fisica.In
URSS da oltre 40 anni si studia l’efficacia anabolizzante di questa sostanza.
ACIDO FERULICO - Lungamente sperimentato dagli atleti russi per l'incremento della massa muscolare
(massa magra), produce azione estremamente efficace sul metabolismo dei grassi. È importante per il conte-
nimento dei livelli del colesterolo. Associato al Gamma Orizanolo (2/3 Ferulico 1/3 Orizanolo) rafforza la sua
efficacia ottimizzando il suo ruolo di prevenzione all'ossidazione dei grassi. Le sue prerogative lo indicano
come importante nelle diete finalizzate a perdita di peso senza che venga intaccata la massa magra.
GAMMA ORIZANOLO - Estratto dalla crusca di riso, attraverso idrolisi dell'acido ferulico, di cui è un estere,
vanta proprietà funzionali antiossidanti, agendo sul metabolismo dei grassi, di cui previene l'ossidazione.
ACIDO LIPOICO - L'Acido Alfa Lipoico -composto che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cel-
lulare- agisce da cofattore per numerosi enzimi che partecipano ai processi di conversione del glucosio, degli
acidi grassi e delle altre fonti energetiche in Atp (adenosin trifosfato). È, infatti, presente nelle conversioni note
come piruvato deidrogenasi e alfa-chetoglutarato deidrogenasi. Tali processi, che avvengono a livello dei mito-
condri cellulari, comprendono quel complesso insieme di reazioni noto come "ciclo di Krebs", vero asse por-
tante di tutto ciò che riguarda la produzione dell'energia. È peraltro nota la capacità dell’Acido Alfa Lipoico di
contribuire alla normalizzazione dei livelli di glucosio nel sangue. Esso, infatti, è in grado di incrementare l'effi-
cienza dell'insulina e di migliorare anche il trasporto del glucosio all’interno delle cellule. Le sue particolari ca-
ratteristiche lo rendono, inoltre, straordinariamente efficace come antiossidante e indispensabile al nostro
organismo per contrastare i danni associati alla formazione di radicali liberi. Infine, l’Acido Alfa Lipoico è in
grado di velocizzare la comunicazione nervosa e di esercitare un'azione normalizzatrice nei suoi confronti, alla
quale consegue una riduzione sia del dolore, sia della torpidità sensoriale.
NONI - Il Noni -pianta proveniente dalla Polinesia, nelle quale è ritenuta sacra- contiene un elevato numero di
vitamine, minerali, enzimi, oligoelementi, steroli e un ampio spettro di amminoacidi. È quindi perfetta fonte di
proteine. Contiene inoltre la Proxeronina, precursore della Xeronina, in dosi assai elevate e per questo può
svolgere un ruolo fondamentale nel garantire un corretto funzionamento delle cellule. Il Noni può essere consi-
derato un antibatterico, analgesico, antiossidante, antinfiammatorio, ipotensivo, purificatore del sangue, tonico.
Viene usato anche nell'alimentazione quotidiana.
CONDROITIN SOLFATO - Appartiene a una famiglia di eteropolisaccaridi, detti glicosamminoglicani, e il ruolo
da esso svolto è quello di preservare il tessuto connettivo extracellulare e di promuoverne la formazione. Eser-
cita un'importante azione antinfiammatoria e analgesica, che viene potenziata se esso è associato a cartila-
gine di squalo, glucosammina fosfato e metil sulfonil metano (Msm).
PAPAINA - Agisce sopratutto favorendo la digestione delle proteine, se in ambiente acido come nello stomaco,
ma in ambiente alcalino o neutro, come l'intestino, essa agisce anche sui carboidrati e sui grassi. Da notare
come nel composto siano presenti anche altri enzimi digestivi come l'amilasi, particolarmente attiva sui carboi-
drati. Le situazioni patologiche nelle quali è auspicabile la somministrazione di Papaina sono principalmente ri-
conducibili a carenze enzimatico-digestive: produzione di gas dopo i pasti, meteorismo, disordini cutanei,
cefalee ricorrenti, diminuzione dell'immunità, allergie e, negli atleti, perdita di massa muscolare.
ANANAS (bromeline dell'ananas) - Il gambo dell'ananas contiene, in notevole quantità, l'enzima bromelina
che, per la sua azione proteolitica, è in grado di digerire e perciò degradare le proteine. Il meccanismo
d'azione della bromelina permette l'assorbimento preferenziale delle proteine, a scapito degli zuccheri e dei
grassi, inducendo al contempo un senso di sazietà che consiglia l'utilizzo della sostanza durante diete atte alla
riduzione del peso.
VITAMINA C - La vitamina C è il più importante nutriente classificato dalla ricerca scientifica. Essendo idroso-
lubile, deve essere adeguatamente fornita ogni giorno. La vitamina C è un elemento essenziale nella forma-
zione del collagene (la proteina necessaria per il mantenimento del tessuto connettivo di pelle, cartilagine,
legamenti, ossa e vasi sanguigni). Essendo agente riducente, favorisce l'assorbimento del ferro a livello intesti-
nale. Potente antiossidante, protegge la membrana cellulare da fenomeni di ossidazione. Contribuisce all'attivazione
del processo metabolico degli amminoacidi fenilalanina e tirosina, bilancia il metabolismo glucidico ed è fondamen-
tale la sua azione chelante e quindi di eliminazione di metalli tossici. Rientra nella sintesi dell'adrenalina e della no-
radrenalina (ormoni dello "sprint"), in quella della serotonina, ormone della sicurezza e della stabilità emotiva. La
sua efficacia è notevolmente potenziata dalla sinergia con la vitamina E.
VITAMINA E - Vitamina antisterile, antiossidante. La vitamina E naturale è composta da un gruppo di componenti
chiamati tocoferoli. Le forme di tocoferolo presenti in natura sono: alfa, beta, delta, ipsilon, eta, gamma e zeta. Il
componente biologicamente più attivo è il D-Alfa-Tocoferolo. La vitamina E contribuisce innanzitutto alla salute dei
nostri organi primari e riproduttivi, dei muscoli, del sangue, della ghiandola pituitaria e surrenale. Agisce come pro-
tettore vitale contro l'ossidazione di alcune sostanze. Contribuisce a rallentare il processo di invecchiamento, incre-
menta la stabilità muscolare e promuove il funzionamento dell'apparato circolatorio. Recenti studi indicano il valore
della vitamina E quale agente protettivo contro gli effetti dell'inquinamento atmosferico.
COMPLESSO B - Le vitamine del complesso B sono tutte sostanze idrosolubili. Le carenze sono molto comuni
nella dieta ordinaria in quanto consumiamo alimenti e zuccheri raffinati. Il complesso B è essenziale per molteplici
attività biochimiche. Ha un ruolo importante nel metabolismo dei grassi, dei carboidrati e delle proteine ed è vitale
per la salute del sistema nervoso. È anche essenziale per il benessere di pelle, capelli e occhi. B 1 (ovvero tiamina,
la cui Rda è 1, 5 mg) - È necessaria per la crescita, migliora il funzionamento dell'apparato digerente e il suo im-
piego è importante nello stimolo dell'attività mentale.
B 2 (ovvero riboflavina, la cui Rda è 1, 7 mg) - Presiede al metabolismo dei lipidi, come gli acidi grassi. Una volta
nell'organismo si trasforma in 2 coenzimi: flavina mononucleotide (Fmn) e flavina adenin-dinucleotide (Fad). Questi
coenzimi sono per lo più attivi nel fegato e sono vitali per la formazione degli enzimi ossidanti, che controllano vari
processi dell'organismo.
B 3 (ovvero niacina, la cui Rda è 20 mg) - Consente il corretto funzionamento del sistema nervoso. Promuove la
crescita. Migliora la circolazione e riduce il colesterolo nel sangue. Può essere riprodotta dal nostro organismo, in
quanto il triptofano si può trasformare in niacina attraverso un certo numero di reazioni biochimiche (occorrono 60
mg di triptofano per 1 mg di niacina).
B 5 (ovvero acido pantotenico, la cui Rda è 10 mg) - Fattore antistress. Idrosolubile, viene assorbito dall’intestino e,
una volta assimilato, entra a far parte del coenzima A, indispensabile allo svolgimento di importanti reazioni metabo-
liche (ciclo di Krebs, biosintesi del colesterolo e di altri ormoni e acidi grassi). Favorisce il ricambio cellulare, la cre-
scita e lo sviluppo del sistema nervoso centrale. È essenziale per il buon funzionamento delle ghiandole surrenali,
per la conversione dei grassi e degli zuccheri in energia, per la sintesi degli anticorpi.Previene la stanchezza, l'in-
vecchiamento precoce e le rughe.
B 6 (ovvero piridossina, la cui Rda è 2 mg) - La vitamina B6 è coinvolta in un gran numero di processi organici. Una
volta entrata nell'organismo è trasformata, con l'aiuto della vitamina B2, nel coenzima fosfato di piridossale, essen-
ziale come attivatore di un gran numero di enzimi. La vitamina B6 interviene in modo complesso nel metabolismo
dei grassi, dei carboidrati, del potassio, del ferro e nella formazione di ormoni (adrenalina, insulina). È necessaria
alla sintesi di Dna e Rna. Il suo ruolo più importante è nel metabolismo delle proteine. Gli amminoacidi, elementi co-
stitutivi delle proteine, possono essere assorbiti soltanto se la piridossina è presente in misura adeguata.
B 12 (ovvero cobalamina, la cui Rda è 6 mcg) - Vitamina antianemica, importante per il fattore di crescita. Idrosolu-
bili, le cobalamine vengono liberate dai processi proteici alimentari grazie al fattore intrinseco presente nel succo
gastrico. La cobalamina ha molteplici funzioni; è, infatti, coinvolta nel metabolismo proteico, partecipa alle reazioni di
transmetilazione, intervenendo anche nella sintesi dei nucleotidi. Agisce sui sistemi enzimatici facenti parte del me-
tabolismo di glucidi, lipidi, protidi.
COLINA - Fattore lipotropo. La colina è il costituente fondamentale della lecitina. È un nutriente essenziale del fluido
nervoso acetilcolina, indispensabile a valicare lo spazio tra le cellule nervose in modo che gli impulsi possano es-
sere trasmessi. Insieme ad Acido Folico, B12 e Metionina, è considerata nutriente chiave per lo sviluppo del sistema
immunitario. La sua carenza determina accumulo di lipidi nel fegato. Il normale fabbisogno si considera tra 500 e
900 mg pro-die.
VITAMINE
ACIDO FOLICO - (Rda 400 mcg) - Vitamina antianemica, fattore di crescita. Come la cobalamina, l'Acido Folico è
essenziale per un adeguato sviluppo delle cellule ed è direttamente correlato alla sintesi del Dna e di altri acidi nu-
cleici. Prende parte attivamente al metabolismo di assimilazione delle proteine. È essenziale per la produzione dei
globuli rossi. È necessario per l'utilizzazione degli zuccheri e degli amminoacidi.
BIOFLAVONOIDI (vitamina P, rutina, esperidina) - Fattore capillartropo. I bioflavonoidi sono un gruppo di sostanze
naturali di origine vegetale tra loro eterogenee. I Bioflavonoidi agiscono in sinergia con la vitamina C, preservandola
dall'ossidazione. La loro funzione principale è quella di aumentare la robustezza dei capillari e di regolarne la per-
meabilità (azione indispensabile per il benessere di ogni cellula del nostro organismo). Inoltre, favoriscono il ritorno
del sangue al cuore e diminuiscono la resistenza delle arterie.
SALI E MINERALI
MAGNESIO - Il 60% di magnesio tissutale è localizzatto nello scheletro. Il resto è concentrato all'interno delle cellule
dove compie una funzione essenziale. Regola la membrana cellulare, la permeabilità, la contrazione muscolare. Sti-
mola la contrazione nervosa e antagonizza il calcio, la cui presenza in eccesso può avere effetto dannoso sul si-
stema circolatorio. Attivatore degli enzimi all'interno delle cellule, il magnesio è essenziale per la produzione di
energia e per la sintesi proteica. Indispensabile al metabolismo del calcio e della vitamina C, previene i depositi di
calcio nei reni. Ha azione termoregolatoria e agisce come sedativo nei casi di eccitabilità neuromuscolare. È un im-
portante fattore per la trasformazione degli zuccheri presenti nel sangue in energia.
POTASSIO - Il Potassio è un regolatore del battito cardiaco, stimola l’eliminazione dell'acqua dai reni, liberando così
l'organismo da sostanze tossiche. È uno dei minerali di cui l'organismo ha maggiormente bisogno, in quanto è neces-
sario alla salute dei tessuti muscolari e nervosi. Il potassio, aumentando l'escrezione renale, contribuisce all'abbassa-
mento della pressione arteriosa, mentre una perdita del prezioso minerale aumenta la ritenzione di sodio provocando
edemi e inibizione nei tessuti. Associato a specifici amminoacidi (fenilalanina, taurina, acido glutammico, glicina), ri-
veste ruolo fondamentale nei sistemi neurotrasmettitivi aiutando le funzioni cerebrali, garantendo una corretta ossige-
nazione del cervello.
ZINCO - Attivatore di molte funzionalità enzimatiche, ha un ruolo importante nella crescita e nello sviluppo. Regola la
sintesi e il catabolismo degli acidi nucleici e delle proteine. Riveste importante funzione nella produzione di insulina.
Svolge una notevole azione sul sistema immunitario e sulle difese specifiche e aspecifiche. L'integrazione di Zinco e
vitamina C garantisce un'ottima difesa contro le malattie da raffreddamento.
FERRO - (Rda 18 mg) - Il Ferro ha tre funzioni principali: a) trasporto di energia - il Ferro è parte della molecola che
trasporta l'ossigeno nel sangue; b) produzione di energia cellulare - il Ferro è richiesto nella parte finale del processo
di produzione di energia dal cibo; c) rimozione dei dannosi radicali liberi - l'enzima catalasi necessita di ferro. In sin-
tesi, la sua funzione è fondamentale per la veicolazione di ossigeno nei globuli rossi (emoglobina) e nel muscolo
(mioglobina), cioè per quelli che sono i dati ematici basilari per l'ottenimento della performance dell'atleta. Inoltre, è
cofattore degli enzimi preposti alla respirazione cellulare.
MANGANESE - Il Manganese è un minerale essenziale per la produzione di energia. Svolge importante funzione nel
mantenimento dei livelli di tolleranza al glucosio e nella sintesi dei neurotrasmettitori. È indispensabile per lo sviluppo
osseo e per il mantenimento di integrità di tendini e legamenti.
CROMO (fabbisogno stimato tra i 50 e 200 mcg pro-die) - Fattore di tolleranza al glucosio. Favorisce la produzione di
insulina; è coinvolto nel mantenimento dei livelli di zuccheri nel sangue e nei livelli di energia. Nella funzione circola-
toria è importante per la regolazione del colesterolo. Nel sistema metabolico è un regolatore del metabolismo lipidico,
proteico e dei carboidrati. È un supplemento di energia nelle contrazioni muscolari e ha importanza essenziale come
componente di ossa e capelli.
RAME - Funziona come catalizzatore nella formazione degli acidi ribonucleici (principali fornitori di energia) che pre-
siedono alla formazione delle nuove cellule.
IODIO - La sua azione principale è quella di normalizzare le funzioni della ghiandola tiroidea. Il fabbisogno giornaliero
è di 150 mcg. L'intero organismo contiene appena 14 mcg di Iodio, che risulta indispensabile per la formazione di ti-
roxina, a sua volta indispensabile per il mantenimento di un normale metabolismo delle cellule. La sua carenza pro-
voca ipotiroidismo, un processo con effetto distruttivo anzichè stimolante, caratterizzato dall'insufficiente produzione
di ormoni tiroidei e da sintomi di affaticamento cronico, difficoltà a tollerare il freddo, aumento di peso. Per contro l'au-
mentato apporto di Iodio oltre i livelli (ipertiroidismo), determina un incremento della produzione degli ormoni tiroidei e
di conseguenza un aumento del metabolismo basale che costringe l'organismo a bruciare i grassi di riserva.
CALCIO - È il minerale più abbondante dell'organismo umano ed è necessario per la costituzione delle strutture
ossee. Il calcio aiuta il processo di coagulazione del sangue, aiuta a prevenire eccessivi carichi di acidità e/o alcali-
nità nei tessuti, interviene nel processo di regolazione del ferro e serve all'attivazione di molti enzimi. Regola il pas-
saggio dei nutrienti da e per le cellule dell'organismo. Viene regolato dal magnesio, al fine di non superarne i livelli
che potrebbero risultare dannosi all'apparato circolatorio, specie per gli atleti di endurance.

Source: http://www.lineaunikum.it/vocabolario_sostanze.pdf

greenbyte.it

Modulo " America " - Principali azioni quotate in Canada e Stati Uniti Lista aggiornata al 22/11/2013 (circa 1200 strumenti) AZIONI CANADA Nome CA AGNICO EAGLE MINES LTD CA AGRIUM INC CA ARC RESOURCES CA ATLANTIC POWER CA BANK NOVA SCOTIA (THE) CA BANK OF MONTREAL CA BARRICK GOLD CORP CA BCE INC CA BIOVAIL CORP CA BOMBARDIER CL B INC CA BROOKFIELD ASSET MANAGEMENT CL A INT CA

antevenioimages.co.uk

Privacy and Security policy We at ScratchMania.com hold your privacy and security in the highest regard. ScratchMania.com is committed to respect and protect your privacy. Account Information: Your information is important to us. All the Account Information that you supply during the account creation process is kept strictly confidential. When your information passes from your computer t

Copyright © 2010-2014 Medical Science